Gradara e il suo Castello “resistente”

gradara-and-its-castle-durableIl Castello di Gradara, che si staglia nel territorio a cavallo tra Romagna e Marche, oltre a essere un pregevolissimo esempio di architettura medievale, conserva tra le sue possenti mura di cinta una grande storia di coraggio e resistenza: nel 1446 le famiglie Sforza e Montefeltro mossero guerra alla famiglia Malatesta, reggente di Gradara, con un assedio che durò ben quaranta giorni.

Durante questo periodo gli abitanti del borgo e le milizie malatestiane diedero grande prova di coraggio e fierezza, resistendo agli attacchi e ricacciando gli invasori.

Questa antica storia è indelebilmente radicata nella memoria del gradaresi che, per ricordarla, la celebrano con una delle rievocazioni storiche più famose e ammirate di tutto il territorio tra le Marche e la Romagna.

Immaginate una due giorni di spettacolo, fuochi di artificio e intrattenimento. Immaginate di essere catapultati indietro nel tempo per rivivere i fasti e gli usi medievali. Immaginate di poter parlare con le castellane, ascoltare concerti di musica d’epoca, allungare lo sguardo dalle torri più alte del castello mentre il cielo risplende e si colora di fuochi artificiali. Immaginate di mettervi alla prova con l’arco e rivivere le gesta di questo popolo coraggioso che per quaranta giorni resistette a condizioni di vita durissime. Tutto questo potrete viverlo sulla vostra pelle partecipando all’ “Assedio del Castello”.

Gradara per due giorni interi dà lustro e gloria alla sua storia rievocando le gesta, gli usi e costumi dei suoi abitanti, e riproducendo fedelmente la vita e i mestieri del tempo.

Un’occasione unica per immergersi nel luogo e scoprirne i segreti, in un modo entusiasmante, coinvolgente e interattivo.

L’Assedio al Castello non è un semplice evento: è esso stesso una tradizione oramai radicata e sentita da tutti i gradaresi. L’intero borgo prende parte alla rievocazione offrendo al visitatore oltre che uno spettacolo di rara bellezza un pezzo della propria identità storica.

Post A Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *